Con la sconfitta 1-3 subita contro il Napoli, il Chievo saluta la Serie A dopo 11 stagioni consecutive nel massimo campionato. Dunque, sono sufficienti i due gol di Koulibarly, e quello di Milik, per dare ai partenopei i tre punti, rinviare i festeggiamenti dello scudetto juventino e, soprattutto, spedire in Serie B i giallo blu.

Serie B che, peraltro, il Chievo aveva nel mirino da tempo. il campionato della squadra di Di Carlo è stato una continua sofferenza, aggravata dai 3 punti di penalizzazione per le plusvalenze contestate alla società di Campedelli. Il Chievo ha oggi il peggior attacco e la peggior difesa. Poche giustificazioni per una caduta in serie cadetta che appariva inevitabile già da qualche mese…

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.