Pronostici Nba 3 Dicembre 2021

Pronostici NBA

Pronostici Nba Oggi 3 Dicembre 2021

Vediamo le migliori quote per le prossime gare in calendario :

Milwaukee vs Charlotte : 1 (-13.5) [a quota 1.90 su Snai]

Clippers vs Heat : 1 [a quota 1.66 su 888 Sport]

Phoenix vs San Antonio : 2 (-4.0) [a quota 1.75 su Betfair]

Puntando 10€ su Bet365 potremo ottenere una vincita di 69€ ! [Clicca per avere maggiori informazioni su come aprire un conto Snai]
[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” av_uid=’av-jypy8cch’ custom_class=” admin_preview_bg=”]

Pronostici NBA : le previsioni per la stagione 2021

E’ il campionato di basket più famoso al mondo, il sogno di tutti i giocatori e quello che racchiude tutti i fenomeni mondiali della pallacanestro, è il luogo “Where Amazing Happens”, è semplicemente l’NBA ! Scopriamo in questa nostra guida tutto quello che c’è da sapere sulla stagione 2019/2020 con aggiornamenti quotidiani, analisi delle squadre,  pronostici n b a e quote antepost sempre aggiornate !

>>>>>Impara a conoscere e sfruttare al meglio le quote sul basket !<<<<<

Previsioni NBA : Chi vincerà il titolo NBA ?

Iniziamo con le Quote Vincente Nba 2019 / 2020 così come offerte in questo momento da Bwin :

Quote Vincente NBA Bwin
Quote Vincente Nba Bwin

Quali sono le favorite per la vittoria dell’NBA ?

Più che un’estate è stata un vero e proprio tsunami ! Il mercato infatti ha portato numerosi trasferimenti importanti che hanno portato a riscrivere totalmente la gerarchia del basket americano.

I Campioni in carica dei Toronto Raptors hanno visto partire la loro stella Kawhi Leonard verso Los Angeles, sponda Clippers, e vedono così ridimensionate notevolmente le proprie ambizioni. Poco male tutto sommato, dato che per i canadesi il titolo vinto la scorsa stagione vale bene qualche stagione in tono minore.

Proprio Los Angeles è stata l’epicentro del mondo della palla a spicchi. L’arrivo di Anthony Davis ai Lakers era già annunciato da tempo e si viene così a comporre una coppia da sogno con Lebron James che quest’anno di certo vorrà puntare con tutto se stesso all’anello. Potevamo parlare di un “Magic Three” ma un infortunio ha messo subito Demarcus Cousins ai box per tutta la stagione.

Lakers grandi favoriti ? Neanche per scherzo, dato che i bistrattati cugini dei Clippers hanno pensato bene di voler provare a riscrivere la storia costruendo una squadra sulla carta fortissima. Detto di Leonard, MVP delle Finals, si è aggiunto anche Paul George, in uscita da una Oklahoma che per qualche anno pare dovrà rassegnarsi al ruolo di comprimaria.

Per quel che riguarda i Clippers, la grande incognita saranno le condizioni fisiche delle sue stelle, ma a livello di roster probabilmente stiamo parlando della squadra potenzialmente più forte della Lega.

Che il titolo passi da est a Ovest sembra piuttosto scontato dato che, per non far mancare nulla alla Conference, gli Houston Rockets hanno firmato Russell Westbrook, che ricompone così a qualche anno di distanza una coppia esplosiva con James Harden. Se sapranno trovare la quadra, i Rockets potrebbero davvero essere la sorpresa di stagione.

Più per una questione di rispetto che non per reali potenzialità, ma non si può non tenere in considerazione anche i Golden State Warriors, che perso Durant dovranno ricostruire un po’ tutto il sistema di gioco e dovranno farlo senza Klay Thompson probabilmente per tutta la stagione. Tutto è sulle spalle di Steph Curry che sarà circondato si da buoni giocatori come per esempio il fedele Green e DeAngelo Russel, ma in una divisione così competitiva la sensazione è che non sarà sufficiente.

Per quanto riguarda l’Est, di certo non sono mancati colpi interessanti nemmeno qui. Il più importante è certamente l’arrivo ai Nets di Kevin Durant e Kyrie Irving, oltre che DeAndre Jordan. New Jersey probabilmente l’anno prossimo sarà una seria contender per l’anello, ma KD è fuori tutta la stagione e obiettivamente le chance di arrivare anche solo alle finals di conference non sono molte.

Il duello per il ruolo di contender pare essere tra Milwaukee e Philadelphia. I Bucks possono contare su Giannis Antetokoumpo, MVP della scorsa stagione, e su un sistema di gioco che è costruito per esaltarne le doti. In più la panchina è stata rimpolpata di giocatori che potrebbero dare un discreto contributo e far fare alla squadra un ulteriore salto di qualità.

I 76ers se da un lato è vero che hanno perso Butler (direzione Miami), quindi una superstar, dall’altro probabilmente ne guadagnano in armonia della rosa e l’arrivo di Horford potrebbere essere perfetto per il “supporting cast” a servizio delle due stelle della squadra, Simmons ed Embiid. Se il centro riuscirà a non soffrire troppo di acciacchi fisici, ecco che “The Process” potrebbe finalmente vedersi realizzato, quantomeno a livello di conference.

Alternative credibili a questo duo obiettivamente non paiono esserci. Detto dei Raptors, abbiamo Boston che ha cambiato la cabina di regia vista la partenza di Irving ed affidandosi a Kemba Walker mentre per il ruolo di sorpresa i Miami Heat potrebbero essere una candidata credibile.

In ogni caso troppo poco per fermare lo strapotere della Western Conference.

Chi sarà l’MVP della stagione ?

L’MVP (Most Valuable Player) è il premio che a fine stagione viene assegnato a quello che dagli addetti ai lavori viene considerato il miglior giocatore della stagione. L’anno scorso il premio è andato a Giannis Antetokoumpo, che ha preceduto in una finale a tre  la sorpresa Paul Geroge ed il solito James Harden. Anche se c’è ancora tutta una stagione da giocare, vediamo chi sono i principali candidati a questo ambito premio secondo Snai :

Snai scommesse
Quote Vincente MVP Snai

Rispetto alla scorsa stagione la rosa di candidati probabilmente è più ampia anche considerando che il premio viene dato per le prestazioni fornite durante la regular season.

Il grande favorito a detta degli addetti ai lavori è il detentore in carica Antetokoumpo, che avendo un intero roster al suo servizio e giocando nella più debole tra le due conference, ce