Dopo un’indigestione di cemento, i tennisti tornano a vedere la terra all’orizzonte.

Il circuito Atp si trasferisce infatti sul lento, con i primi due tornei di categoria a Houston e Marrakech. Per poter vedere i big all’opera su questa superficie bisognerà però attendere qualche giorno in più, con Djokovic, Nadal (che proverà a vincere per la 12ma volta in 15 edizioni) e Thiem ad essere favoriti per la vittoria a Montecarlo (ma attenzione a Zverev e Tsitsipas).

Superato lo scoglio monegasco, si passerà a Barcellona e Budapest, e poi a Monaco di Baviera, e quindi con il Masters 1000 di Madrid, che segnerà il ritorno al rosso di Roger Federer, e quello di Roma, dal 12 maggio, che vedrà la partecipazione dello svizzero, di Rafa e di Djokovic in quella che sembra essere un’edizione imperdibile degli Internazionali. Superato Roma, una settimana di pausa (o quasi) e poi il Roland Garros. Un menu non male, no?

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.